gli eventi

Gli eventi puntano a divulgare importanti contenuti della cultura politica europea attraverso la voce di protagonisti e testimoni dell’attuale società, in modo da fornire non la rivisitazione storica delle dottrine, ma la loro sopravvivenza e vitalità nel contesto contemporaneo attraverso l’esperienza di soggetti politicamente attivi e autorevoli.

GIAMPIERO MUGHINI

Giampiero Mughini nasce a Catania il 16 aprile 1941 da padre toscano e madre siciliana. Conseguita la laurea in Letteratura francese decide di intraprendere la carriera di giornalista. Nel 1970 si trasferisce a Roma dove inizia a plasmare il suo destino professionale.

socialisti e comunisti in Italia

La distinzione tra il pensiero socialista e il pensiero comunista nella storia non è oggi conosciuta quanto lo era invece fino a qualche decennio fa.
Durante l’ultima crisi di governo e la formazione del governo Draghi queste due concezioni si sono scontrate sotto mentite spoglie, andando nuovamente a impattare con il pensiero liberale e con quello dell’estrema destra erede dell’esperienza fascista.
Non a caso tutti i commentatori politici hanno riesumato termini come “liberal-socialista”, “liberal-democratico”, ”socialista riformista”, “post-comunista” e “post-fascista” a dimostrazione che anche l’attualità utilizza, per dar conto di sé, categorie molto antiche non interamente comprese nella loro profondità.

Abbiamo affidato a Giampiero Mughini la responsabilità di illustrare quanto il confronto tra socialisti e comunisti ancora oggi condizioni la vita politica nella Repubblica italiana.

Questi sono i suoi testi più rilevanti sull’argomento:
Il revisionismo socialista. Antologia di testi, 1955-1962, a cura di, Mondoperaio, Roma, 1975.
Il piccolo sinistrese illustrato, con Paolo Flores d’Arcais, SugarCo, Milano, 1977.
Compagni, addio. Lettera aperta alla sinistra, Mondadori, Milano, 1987,
Gli anni della peggio gioventù. L’omicidio Calabresi e la tragedia di una generazione, Milano, Mondadori, Milano, 2009.